19 settembre 2017

Teatro Genovesi, Salerno, dal 25 gennaio al 26 aprile 2014

Out of Bounds 2014 al Teatro dei Genovesi di Salerno

Out of Bounds 2014

Dichiarazione Licia Amarante e Antonella Valitutti
Siamo orgogliose e felici di presentare per la seconda volta il cartellone della nostra rassegna Out of Bounds.
Fiere perch siamo una realt indipendente che con caparbiet  riuscita a mantenere in vita un appuntamento con il teatro contemporaneo a Salerno.
Felici perch questa volta abbiamo il sostegno di una sinergia di intenti con la Compagnia dell’Eclissi. Crediamo profondamente che per far vivere nel panorama culturale italiano realt drammaturgiche contemporanee ci sia bisogno, tanto per i circuiti professionistici di cui Out of bounds si fa promotore, quanto per quelli non-professionistici sostenuti da XS, della collaborazione tra tutti coloro che, con passione, portano avanti lidea di una necessaria diffusione delle idee.
Orgogliose di aver concorso agli UBU 2013 con ben tre produzioni, siamo convinte che veicolare un teatro di qualit e una drammaturgia che ponga dubbi pi che dare certezze, sia forse la chiave possibile per una rinascita della cultura e del pensiero contemporanei.
Su queste premesse abbiamo selezionato gli spettacoli in cartellone.

Si comincia il 25 GENNAIO con la Compagnia Teatro Civico14 di Caserta con Questione di un attimo di Emanuele Tirelli (con Antimo Navarra per la regia di Roberto Solofria), uno  spettacolo pensato a partire da una valigia e dal suo contenuto. Tutto ci che un uomo prima di partire, di andare via per sempre, non pu immaginare di lasciare e di poter vivere senza.  La pice si concentra sulla storia del giornalista Francesco Miniato, sulle difficolt del suo mestiere e sulle ripercussioni sulla sua vita privata. Protagonista e uomo come tanti, Miniato  scopre riciclaggio e abusivismo allinterno del centro commerciale dove lavora.

L’8 FEBBRAIO  la volta della Compagnia Gommalacca Teatro di Potenza con Sempre con me di Carlotta Vitale (con Carlotta Vitale per la regia di Mimmo Conte). Lo spettacolo d voce e corpo a ci che accade tra una donna non pi padrona di s stessa ed un uomo avaro di sentimenti, violento ed assente, attingendo ad un lavoro di ricerca in costante aggiornamento tra fatti di cronaca, testimonianze dirette e analisi degli aspetti psicologici, normativi e sociali relativi al maltrattamento delle donne. Lo spettacolo  stato promosso dalla Presidenza della Giunta e dallAutorit per i Diritti e le Pari Opportunit della Regione Basilicata ed ha vinto la prima edizione del Premio Cecilia Salvia nella sezione del Festivalfemminile.

Il 15 FEBBRAIO  la volta della Compagnia Marino-Ferracane di Trapani con Orapronobis di Rino Marino (con Fabrizio Ferracane per la regia di Rino Marino), un lavoro in cui un pover’uomo, un residuo d’umanit “malata”, in una dimensione onirico-allucinatoria, al cospetto di un alto prelato (incarnato dalla muta immobilit di un fantoccio), scioglie un lamento disperato, che si alza come una preghiera profana, in un siciliano arcaico, attraverso le poste di un rosario dolente e sarcastico, che si fa violenta invettiva, spietato atto d’accusa alla corruzione e al “sacrilegio” del potere ecclesiastico, fino a culminare nella tragica rievocazione di un’esistenza misera e marginale, in una struggente antitesi tra sogno e realt.

Il 1 MARZO la Compagnia Randev di Genova presenta Happy New Fear di Davide Mancini e Angela Ciaburri (con Davide Mancini e gli Psyco Radio per la regia di Angela Ciaburri). 55 minuti di comicit fresca e tagliente, in compagnia di personaggi tragicomici, ma dallumanit fragile e struggente, personaggi, umani (troppo umani), che un trio di incursori teatrali, formato da uno speaker e due musicisti, ha incontrato lungo il proprio cammino, prima di occupare -per una sera- una radio di provincia, per dar loro voce e per parlarvi. Il tutto arricchito dagli interventi musicali degli Psycho Radio.

Il 15 MARZO  la volta della Compagnia Il Pozzo e il Pendolo di Napoli con Il senso del dolore di Maurizio de Giovanni (con Nico Ciliberti per ladattamento e la regia di Annamaria Russo), una cartolina della Napoli del 1931, che fa da sfondo alla vita del commissario Luigi Alfredo Ricciardi. Il commissario vede i morti che gli parlano ripetendo allinfinito lultimo pensiero che li ha tormentati nellistante del trapasso e al teatro S. Carlo, durante la rappresentazione della Cavalleria Rusticana, viene trovato il cadavere del tenore Arnaldo Vezzi. Il suo spirito affranto accoglie il commissario Ricciardi con un canto addolorato, un solo verso, sempre lo stesso che guider il giovane poliziotto verso una verit dolorosa quanto amara.

Il 29 MARZO  la Compagnia TeatrAltro di Roma presenta Mammema di Eduardo Ricciardelli (con Eduardo Ricciardelli e Irma Ciaramella per la regia dello stesso Eduardo Ricciardelli). Lo spettacolo riflette il rapporto tra madre e figlio attraverso due personaggi che abitano in uno spazio comune e in continua trasformazione simbolica. Cinque scene o micro atti, scanditi dai continui cambi dabito e di situazione che lasciano allo spettatore la possibilit di leggere oltre gli stereotipi e oltre le convenzioni.

Il 5 APRILE la Compagnia Barone/Chieli/Ferrari di Roma  in scena con La salute degli infermi di e con Emilio Barone, Alessandra Chieli e Massimiliano Ferrari, finalista del “Premio Giovani Realt del Teatro 2011” della Civica Accademia Nico Pepe di Udine e della “Borsa Teatrale Anna Pancirolli 2012”, racconta le macchinazioni illusorie di tre personaggi nella Buenos Aires del 1976 in seguito alla morte del fratello Alessandro.

Il 26 APRILE conclude la rassegna la Compagnia ACTS di Roma con Confinati a Ponza di Alberto Gentili (con Francesco Maria Cordella, Stefano Onori e Carmen di Marzo per la regia di Francesco Maria Cordella). La pice racconta la vita del carcerato Mussolini, imprigionato su ordine del re dopo il 25 luglio del 43. Ironia della sorte, a Ponza si trova in quello stesso periodo Pietro Nenni, spedito al confino proprio da Mussolini. Ad unire i due personaggi che la politica aveva diviso c Luisa, giovane cuoca incaricata di accudire entrambi e di preparare i loro pasti. Sar lei a tessere quel filo reciso dalla storia, a offrire consolazione dagli orrori e speranza. Qui Mussolini, perdente e sconfitto, vive la sua trasformazione profonda che lo porter ad avvicinarsi alla religione. Qui il socialista Nenni acquister invece la consapevolezza della libert.

Infine, fuori rassegna, il 1 FEBBRAIO Diego De Silva & The Peanuts e L.A.A.V. Officina Teatrale presentano Donne coi vestiti a fiori (con Diego De Silva, Antonella Valitutti e The Peanuts per la regia di Licia Amarante). Non solo un reading e non semplicemente un concerto, ma un viaggio attraverso le emozioni che si trasformano in parole, le voci che lasciano posto alle canzoni, i sentimenti che diventano sguardi e toccanti silenzi.
BIGLIETTI e ABBONAMENTI RASSEGNA OUT of BOUNDS -drammaturgie fuori confine- 2nd EDITION

Teatro Genovesi
via Principessa  Sichelgaita 12/a
Salerno
abbonamento: 8 spettacoli euro 60,00 – (riduzione euro 55,00 per chi acquista anche l’abbonamento al Festival XS)
biglietti: intero euro 12,00 – ridotto soci L.A.A.V. Officina Teatrale euro 10,00

info e prenotazioni: infolaav@alice.it / 346 59 06 033 / 377 99 69 033,  possibile acquistare biglietti e abbonamenti presso la sede L.A.A.V. di via S. Alferio 10/12 dal luned al sabato dalle 17,00 alle 20,00

UFFICIO STAMPA – COMPAGNIA L.A.A.V. OFFICINA TEATRALE
Roberta Bignardi
+39.3288238662
Giorgia Sabatini
+39.3471898080
ufficiostampa.laav@alice.it; www.laavteatro.it
Web communication Maria Cuono
info@mariacuonocommunication.com

Sito web evento: www.laavteatro.it

La redazione di liveinitalia ringrazia Maria Cuono Communication per averci segnalato l’evento.

Info