22 luglio 2017

Viper Theatre e Fortezza da Basso, Firenze, venerdì 9 e sabato 10 settembre 2016

Nextech Festival 2016 a Firenze

Nextech Festival 2016
8, 9 e 10 settembre 2016

Acquisto abbonamento per le 2 giornate del 9 e 10 settembre su www.liveticket.it/tinisoundgarden

Giovedì 8
Sala Vanni

Venerdì 9
Viper Theatre

Quasi 1400 mq di grandezza e rifiniture semplici in modo da essere totalmente duttile a seconda della serata che ospita: il Viper Theatre è una cornice perfetta quando si parla di musica elettronica e di Nextech Festival, che grazie allo splendido dialogo con le arti digitali non ha bisogno di troppi addobbi. Artisti come Noisia, Chinese Man, Taiwan MC, Nathan Fake, si sono già esibiti su questo palco nelle precedenti edizioni, senza contare la carrellata di nomi – Karotte, Dasha Rush, Digitalism, Paco Osuna, Adm Beyer, Fritz Kalkebrenner… – che Atomic Event propone con successo ad ogni stagione.

Line Up

  • Andy Stott
    Assente da Firenze da due anni, Andy Stott ha uno stile inconfondibilmente obliquo e caratteristico. Ha realizzato più di una dozzina di EP e due album con il suo vero nome, ma anche svariate produzioni sotto lo pseudonimo Andrea. Mai cristallizzata in un solo genere, la sua musica oscilla fra la techno più profonda e la ritmica spezzata del garage, fra house rallentata e iperattivo footwork, mantenendo sempre inalterati i tratti stilistici fondanti: profonda, complessa e stranamente splendida. Ex operaio in una fabbrica di Manchester, Andy è riuscito a ritagliarsi un posto tutto suo nell’olimpo del djing mondiale anche grazie al suo album Luxury Problems, già considerato pietra miliare. Il percorso è continuato con Faith In Strangers, ed a Maggio 2016 è uscito il suo ultimo attesissimo disco, Too Many Voices, che presenterà per la prima volta in Italia.
  • Ricardo Baez
    Ricardo Baez è un giovane talento italo-venezuelano cresciuto tra vinili blues e jazz del padre sassofonista e le cassette pop anni ’80 usate dalla madre per insegnare danza moderna. In pochi anni riesce a farsi notare grazie a uno stile del tutto personale, molto apprezzato per la sua imprevedibilità e che fa dell’empatia col pubblico un elemento imprescindibile. Influenzato dalla house di Chicago e la techno di Detroit, il suo primo EP The Message esce nel 2012 sull’etichetta tedesca Toy Tonics, che riscuote un successo internazionale e lo candida come uno dei migliori giovani dj/produttori italiani da tenere sott’occhio.
    Negli anni seguenti realizza EP su etichette come Rebirth, Gomma Records e Night People (NYC) e dal 2010 porta avanti una clubnight settimanale tra le più amate di Firenze, chiamata Tropical Animals, dove nel corso degli anni si sono avvicendati artisti come Kevin Saunderson e Caribou. La sua ultima release è uscita su Night People appena pochi mesi fa.
  • Ryan Elliott
    “La cosa più importante, dopotutto, è cosa viene fuori dalle casse. Deve essere la traccia esatta, nel momento esatto, suonata nel giusto modo”.
    Nessuno lo sa meglio di Ryan Elliott, dj e remixer nato e cresciuto nella leggendaria Detroit. Dopo i primi anni come resident allo Shelter della sua città, la carriera è decollata ed i tour nazionali sono divenuti mondiali. Il suo sound, negli anni, è sempre rimasto fedele a se stesso: guide linea di basso ridotte alla loro essenza, espertamente calibrate per mandare la folla in delirio. Dalla gelida techno minimale alle più calde sonorità house, Ryan preferisce suonare nelle ore più profonde della notte, utilizzando tre piatti e molti effetti esterni, che riesce sempre a gestire con una facilità quasi naturale.

Sabato 10
Fortezza da Basso
Pad. Cavaniglia

Capolavoro dell’architettura del Rinascimento realizzata tra il 1534 ed il 1537, la Fortezza da Basso è oggi la principale struttura della cittadella congressuale fiorentina. La variegata tipologia di ambienti alterna suggestivi luoghi storici a moderni padiglioni, creati appositamente per ampliare gli spazi a disposizione delle manifestazioni. Uno di questi è proprio il Padiglione Cavaniglia; lo spazio scelto ormai da quattro anni da Nextech Festival per portare la musica, ed in particolare le sonorità techno, in questa suggestiva cornice che riesce al tempo stesso ad essere nel cuore della città ma anche lontano da tutto.

Line Up

  • Ilario Alicante
    Il segreto del successo di Alicante? Ilario ha iniziato come clubber, si considera ancora un clubber e vorrà sempre mantenere quel legame vitale con il dancefloor. Tutti i suoi successi recenti possono essere ridotti a questo minimo comune denominatore che lo contraddistingue e lo ha portato a suonare in tutto il mondo. Classe 1988, nato a Livorno ma vive a Berlino ormai da anni, ha alle spalle produzioni acclamate per Cocoon Recordings, Cecille Records, SCI + TEC Digital Audio. Durante le sue stagioni ad Ibiza (come punta di diamante del roster Cocoon) propone set impeccabili, potenti ed energetici, che hanno fatto si che la gente vedesse in lui una delle nuove stelle della musica elettronica.
  • Speedy J
    Speedy J, all’anagrafe Jochem Paap, è considerato uno dei pionieri della techno che insieme ad artisti come Laurent Garnier e Aphex Twin ha indiscutibilmente contribuito alla diffusione del genere. Dai primi anni ’90 pubblica su etichette come Plus 8, Warp e Novamute con gli album G Spot (1993) e Ginger (1995), ma alla fine degli anni ’90 il suo suono si evolve, si fa più armonico e complesso, pieno di collisioni e ritmi spezzati. Fonda così la sua eitchetta “Electric Deluxe” che diviene in pochissimi anni una piattaforma per tutti quegli artisti che vogliono esplorare le svariate sfumature della techno. Da qui parte anche la fortunata serie Collabs, con l’amico Chris Liebing, caratterizzata dall’uso del Traktor e altri software.
  • Teo Naddi
    Storico resident di Nextech dal 2012, Teo Naddi è prima di tutto un poliedrico amante della musica nella sua totalità. I suoi set hanno il sigillo di garanzia: una ritmica mai scontata, che spazia dalla dub alla techno in modo dinamico e coerente, per creare ogni volta un’atmosfera unica ed un’energia fuori dal normale.
    Dal 2006, conquista le consolle dei club fiorentini più importanti, dividendo la scena con nomi del calibro di Jeff Mills, Theo Parrish, Apparat, Daphni, Jimmy Edgar, Ben Ufo, Chris Liebing e molti altri.
    Nel frattempo è anche co-fondatore di una etichetta tutta sua, la Oltrarno Recordings e conduce lo show radiofonico Intro-Spettiva su Novaradio ogni mercoledì sera.
  • Wooden Crate
    Il duo, formato da Davide Rosafio e Giuseppe Gonzalez, è nato sei anni fa nella scena underground fiorentina. Il forte interesse per il mondo del clubbing e l’intensa passione per la musica che li accomuna, li ha portati presto a suonare nei locali più importanti di Firenze, fino alla residenza di Nextech. Il loro stile è vario ma definito, spazia dalla techno più industrial al dub più scuro, passando per la techno detroitiana più profonda e sinuosa. Dal 2012 hanno dato vita alla loro personale visione di party con il Cosmic, festa che mobilita le folle e si svolge ogni anno presso il parco di Villa Montalvo. Ma sono gli ultimi due anni i più ricchi di soddisfazioni; i due entrano infatti a far parte di una importante label, la Dirty Session Records di Luca Bear e successivamente inizia anche la loro partecipazione ai prestigiosi party ufficiali Cocoon, la storica etichetta di Sven Vath.

Info:
Musicus Concentus

055 287347
musicusconcentus@gmail.com

Viper Theatre
Via Lombardia
50145 Firenze

Fortezza da Basso
Viale Filippo Strozzi, 1
Firenze

Nextech Festival 2016 utilizza il Sistema di Biglietteria Liveticket.
Info su www.liveticket.it – Biglietteria per Festival

 

Info