25 settembre 2017

Galleria 33, Arezzo, da sabato 5 a sabato 26 aprile 2014

Portraits di Guglielmo Alfarone alla Galleria 33 di Arezzo

Portraits

Galleria 33 compie un anno.
Una personale dell’artista Guglielmo Alfarone che, il 5 aprile p.v., arriverà da Londra per esibirsi alle ore 19 in una performance di live painting nello spazio di via Garibaldi 33 ad Arezzo. A latere sarà proposta una galleria di disegni appositamente concepiti per l’evento espositivo. Opere uniche, rappresentative di un preciso e non replicabile momento di produzione dellartista.
La mostra, a cura di Tiziana Tommei,  patrocinata da Provincia di Arezzo e sostenuta da Hello Children, centro per l’apprendimento precoce dell’inglese diretto da Sandra Contiero (www.hellochildren.it).

Guglielmo Alfarone  nato ad Acquaviva delle Fonti, Bari, nel 1984. Dopo la Laurea presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia, sceglie di sviluppare il suo lavoro a Londra, dove vive e lavora da 5 anni. E attivo in mostre e performance dall’età di diciassette anni. Ha esposto alla Galleria Nazionale di Arte Moderna di Roma, al Museo dArte Moderna Ca Pesaro e ha partecipato alla Biennale d’Arte di Venezia.
Nel 2008 si è esibito con uno dei suoi live paintings nei giardini del Museo Guggenheim di Venezia. Ha vinto premi importanti e, nonostante la giovane età, ha avuto spazio in numerose pubblicazioni e le sue opere fanno parte di collezioni pubbliche, quali la Fondazione Cominelli e il Museo di Arti Grafiche di Istanbul, oltre che dimportanti collezioni private.
Portraits  un unicum. Una serie inedita, ideata e creata per la 33. Una schiera di volti, ritratti viventi, realizzati a grafite e carboncino su carta, tela e tavola. Una messa in mostra del disegno, puro, pulito ed essenziale. Pezzi unici, che hanno un valore ulteriore rispetto alla firma, quello dell’irripetibilità di un lavoro che, sebbene finito, concluso e a tutti gli effetti opera piena dellartista, ha la valenza di testimonianza di un iter progettuale, di un modus operandi artistico e personale. Ogni ritratto parla di un soggetto, che  al contempo particolare, con i suoi tratti fisici e di psicologia della persona raffigurata, e universale, in quanto rappresentativo di uno stato emotivo e cognitivo dellessere umano.
Alfarone disegna sentimenti, atteggiamenti ed emozioni attraverso personificazioni tratte dal quotidiano. Non ci sono santi, regine, cavalieri: gli effigiati sono persone comuni, fuori dalla bellezza stereotipata, che non lanciano sguardi accattivanti, ma che emergono e simpongono con le loro specificità e imperfezioni, in forza del loro essere persone comuni. Ciascuno di loro  uno di noi. Gli stessi rappresentano specchi in cui riflettere il s e traduzioni in bianco e nero di una realtà data, esaminata e riproposta in chiave personale. Sono monumenti alla semplicità e alla verità, ma anche un monito a guardarsi dai falsi miti, dalle icone vuote, da tutto ciò che standardizza e costringe a relegare in un luogo di ciò che si rappresenta.

La mostra  in collaborazione con Luciferi Visionibus, stamperia d’arte, laboratorio di sperimentazione fotografica e grafica, che, venerdì 11 aprile, sarà sede di una mostra collaterale, presentando la serie di scatti fotografici base dell’opera dellartista. In questo modo, dalla performance al disegno fino alla fotografia, il lavoro creativo di Alfarone sarà restituito, a ritroso, attraverso la messa in visione dei suoi steps più rappresentativi.

L’appuntamento  è per sabato 5 aprile alle ore 19 con l’opening e performance di Guglielmo Alfarone.
La mostra Portraits resterà visitabile fino al 26 aprile 2014, aperta dal lunedì al sabato dalle 16.30 alle 19.30 ad ingresso libero.

Galleria 33
Via Garibaldi 33
Arezzo
Sito web www.galleria33.it

La redazione di liveinitalia ringrazia Tiziana Tommei per averci segnalato l’evento.

Info